The Italian Sea Group, il Gruppo fondato e presieduto da Giovanni Costantino ha pubblicato i risultati del primo trimestre 2022 che in apertura mostrano 69 milioni di euro di ricavi totali pari al 98,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2021.

 

I risultati dei primi tre mesi confermano l’efficacia della nostra visione strategica e del progetto di crescita che stiamo attuando” il commento di Giovani Costantino. “L’acquisizione Perini Navi sta già avendo un impatto molto positivo sulle nostre attività, sia in termini di ricavi sia per quanto riguarda il posizionamento sui mercati globali. La completezza del nostro portafoglio e della gamma di prodotto, insieme alla riconosciuta qualità tecnica e stilistica, ci consentiranno di continuare a crescere anche attraverso la penetrazione di mercati nei quali vediamo un grande potenziale”.

 

Altri dati relativi al Q1 mostrano ricavi operativi per 68,8 milioni di euro con una crescita del 104,8% rispetto al 2021 con ricavi per la divisione Shipbuilding di 58,3 milioni di euro (+104,5%) e per la divisione Refit di 10,5 milioni di euro (+104,1%.)

 

L’EBITDA (margine operativo lordo) è pari a 10,2 milioni di euro, in crescita del 120,3% rispetto ai 4,6 milioni del 2021, con un margine EBITDA del 14,8% rispetto al 13,4% del 2021. Quanto al portafoglio ordini al 31 marzo 2022, il Gruppo si attesa a 891 milioni di euro con un Net backlog di 573 milioni di euro.

 

Presso i vari brand del Gruppo sono attualmente in produzione 31 yacht, di cui 17 tra mega e giga yacht e 14 Tecnomar for Lamborghini 63, mentre quanto a investimenti nel primo trimestre 2022, la The Italian Sea Group ha effettuato investimenti per 4 milioni di euro, cifra che comprende anche la  messa a punto dei siti produttivi di Viareggio e La Spezia.

 

theitalianseagroup.com