È quello di un 40 metri RPH semidislocante costruito interamente in allumino il primo varo di Baglietto dopo il lockdown. A La Spezia è infatti sceso in mare lo scafo #10232 sviluppato su una piattaforma navale espressamente progettata da Baglietto per soddisfare richieste dell’armatore statunitense.

Firmato quando a exterior design da Horacio Bozzo e per  gli interni dall’architetto Achille Salvagni, lo scafo #10232 ha un layout assieme sportivo ed elegante e il profilo è segnato dalla axe bow che, novità assoluta per il Cantiere, per la prima volta appare su uno yacht Baglietto. Gli interni da parte loro sono un vero e proprio inno al design e all’artigianalità italiana abbinati a soluzioni tecnologiche d’avanguardia per assicurare il massimo comfort a bordo.

Motorizzato con due CAT C32 ACERT D il nuovo Baglietto #10232 è accreditato della velocità massima di 18 nodi e si inserisce nella linea di produzione “su misura” di Baglietto che, nel moderno stabilimento di La Spezia, dove è stato completato il nuovo capannone per yacht fino a 65 metri, vede in costruzione un 54 metri sempre firmato da Horacio Bozzo per exterior design e interior design di Hot Lab. Per il questo 54 metri la consegna è prevista entro il 2020.

Parallelamente nel cantiere Baglietto prosegue la costruzione del terzo 48m T-Line, gemello di Andiamo e Silver Fox, mentre ha preso il via  quella del 38 metri, ultima commessa acquisita lo scorso febbraio. Per questo la consegna è prevista nel 2022.

www.baglietto.com

www.horaciobozzo.com

www.salvagniarchitetti.net

www.cat.com

www.hotlab.it