Si festeggia oggi, 8 giugno,  la Giornata Mondiale degli Oceani ufficialmente istituita dalle Nazioni Unite nel 2009 ma che in molti Paesi era già celebrata dal 1992, anno della Conferenza Mondiale sull’Ambiente e lo Sviluppo che si tenne a Rio de Janeiro.

Come si legge sul sito ufficiale dell’evento scopo della Giornata Mondiale degli Oceani è: “Aumentare la consapevolezza globale dei benefici all’umanità che derivano dall’oceano e dal nostro dovere individuale e collettivo di utilizzare le sue risorse in modo sostenibile. Le generazioni future dipenderanno anche dall’oceano per i loro mezzi di sussistenza! Acquari, centri scientifici e istituti di ricerca, ONG, comunità e governi di tutto il mondo mobilitano milioni di persone in eventi piccoli e grandi”.

La Giornata Mondiale degli Oceani vuole, prosegue il messaggio degli organizzatori: “Celebrare tutto ciò che l’oceano ci offre ogni giorno: dall’ossigeno che respiriamo all’ispirazione che muove i nostri poeti”.

Moltissime, nonostante la pandemia di Covid-19, le iniziative internazionali e a livello nazionale. La principale la conferenza (online) organizzata dalle Nazioni UniteInnovation for a Sustainable Ocean” che si tiene oggi e che vede la partecipazione come supporting partner di One Ocean Foundation, la fondazione nata nel 2018 per iniziativa dello Yacht Club Costa Smeralda e che vede Confindustria Nautica, partner della Fondazione e tra i primi firmatari della Charta Smeralda che ne traccia la mission.

Alla Conferenza delle Nazioni Unite (il programma completo su unworldoceansday.org)  il segretario generale Jan Pachner e il presidente del comitato scientifico Stefano Pogutz di One Ocean Foundation presenteranno il secondo report della ricerca pluriennale dedicato ad approfondire la relazione tra le imprese e la sostenibilità dell’oceano: “Business for ocean sustainability – A global perspective”.

unworldoceansday.org

www.1ocean.org