CONFINDUSTRIA NAUTICA. DOPO LA RIAPERTURA DELLA PRODUZIONE, È PROSEGUITO IERI IL CONFRONTO CON LA TASK FORCE DI PALAZZO CHIGI PER I SERVIZI E IL CHARTER.

OGGI INCONTRO AL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO.

Con i provvedimenti adottati ieri dal governo, frutto del lavoro incessante di confronto di CONFINDUSTRIA NAUTICA con Palazzo Chigi, è stato possibile riavviare la produzione delle aziende nautiche. Presso l’Associazione, le aziende possono trovare i form e i documenti per le comunicazioni necessarie la normativa cui devono uniformarsi.

L’attività di CONFINDUSTRIA NAUTICA non si è mai interrotta e il prossimo obiettivo é il riavvio delle attività della filiera a contatto con il pubblico.

Attraverso precise misure riteniamo possibile rendere sicura anche queste attività” – spiega il Direttore Generale dell’Associazione, Marina Stella -. “Come per le attività produttive, abbiamo predisposto un Documento tecnico, che è già nelle mani della Task force di Palazzo Chigi, dove sono indicate le misure di protezione individuale e di organizzazione aziendale per il contenimento della diffusione del virus, quelle di monitoraggio del personale e dei clienti, delle operazioni di imbarco/sbarco dei charter, le regole per la sanificazione e la pulizia e infine le norme di comportamento obbligatorie”.

Dopo i diversi confronti con il Sottosegretario alla Presidenza del consiglio con delega alla Programmazione economica, Sen. Prof. Mario Turco, proprio per affinare le procedure oggi pomeriggio è previsto un ulteriore incontro al MiSE del Presidente Saverio Cecchi con la Sottosegretario Alessandra Todde, su delega del ministro Patuanelli.

 

27 aprile 2020